pietra.del.mese.giugno.pietra.di.luna.labradorite.bianca.melina
Curiosità

La Pietra del Mese: a Giugno la Pietra di Luna

Si sa: ogni segno ha la sua Pietra, ogni anniversario ha la sua Pietra ed ogni mese dell’anno ha la sua Pietra!

Giugno è il mese della Pietra di Luna e della Labradorite bianca, pietre chiare, ricche di riflessi magici, che si sposano perfettamente con le prime abbronzature.

Si tratta di due pietre appartenenti al gruppo dei Feldspati, una famiglia di rocce magmatiche costituenti circa il 60% della crosta terrestre.

La Pietra di Luna è caratterizzata da un debole luccichio ‘biancastro’, dato dalle minuscole lamelle di albite in essa contenute, che le conferiscono la sua tipica rifrazione. Proprio questa particolarità ricorda il riflesso della luna nell’acqua che le dà il nome.

Alla Pietra di Luna, come a tutte le pietre dure naturali, vengono attribuiti molteplici benefici, sia fisici che psichici.

Dal punto di vista fisico, bilancia i cicli ormonali interni con i ritmi della natura, mettendo da parte i ritmi frenetici cui siamo abituati a sottostare, allevia il dolore mestruale, favorisce la fertilità ed aiuta a stimolare il sistema linfatico ed immunitario. Risulta essere utile anche contro la ritenzione dei liquidi e favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo. Viene inoltre consigliata a chi soffre di fame nervosa.

Dal punto di vista psicologico, promuove la stabilità e l’auto-accettazione ed aiuta coloro che sentono troppo il peso dei propri problemi ad apprezzarsi di più per ciò che sono.

La sua luce riflessa rischiara i nostri pensieri, donandoci buoni consigli ed ha un forte potere equilibrante e calmante. Indossarla costantemente aiuta a rafforzare la personalità, ad esprimersi con sicurezza, invece che reprimere pensieri ed emozioni. Si ritiene che doni coraggio e calma, apre il cuore al sentimento, soprattutto quando è stato chiuso dalle troppe delusioni. Più in generale la Pietra di Luna è ideale per chi si trova spesso vittima delle proprie maree interiori, con sbalzi di umore e instabilità psicofisica.

Anche se spesso considerata una pietra femminile, la Pietra di Luna può essere molto utile anche agli uomini, per aprire il proprio sé emotivo. Si dice infine che la pietra di luna aiuti a ritrovare il sonno perduto e che protegga durante i viaggi.

Comunemente nota come Pietra di Luna è anche un’altra pietra, chiara ed elegante, caratterizzata da un aspetto opaco e cangiante, con riflessi bluastri a lucentezza metallica: la Labradorite bianca.

Il nome Labradorite deriva dalla penisola canadese del Labrador, luogo del suo primo ritrovamento, intorno al 1770 e, a differenza della sua sorella scura, quella chiara non contiene le inclusioni di ilmenite. In conseguenza di questa combinazione di fattori, la labradorite bianca è chiara come l’adularia, ma ha gli effetti ottici della labradorite.

Con riferimento ai benefici fisici, si ritiene che la labradorite attenui la sensazione di freddo ed è perciò indicata per prevenire il raffreddore, le altre malattie da raffreddamento ed i reumatismi.
Induce a sviluppare un temperamento più sereno, riducendo la propensione ad agire d’impulso, l’ansia e lo stress; in tal senso agisce da
calmante per le tensioni allo stomaco ed è utile per abbassare la pressione.

Per quanto riguarda i benefici che le vengono attribuiti sulla psiche, viene considerata un eccellente antidoto contro le illusioni. Inoltre, rafforza l’intuizione e permette di vedere la vera natura dei nostri scopi e delle nostre intenzioni grazie alla sua superficie cangiante. Aiuta ad eliminare le vecchie tendenze e ad apprendere la grande lezione che il cambiamento è la vera natura della vita.

Stimola la creatività, la fantasia, l’introspezione e la profondità dei sentimenti.

Come la sua cugina, la labradorite classica, favorisce il riconoscimento delle illusioni e degli errori, migliora la capacità di riconoscere i nostri veri moventi, anche quando essi sono scomodi o dolorosi. Rispetto alla labradorite scura, tuttavia, facilita anche una presa di distanza da quello che si muove dentro di noi, consentendo il formarsi di un punto di vista distaccato, realistico e maggiormente equilibrato.

Per quanto ciò non sia necessario, può essere ricaricata mediante semplice esposizione al Sole nelle prime ore del mattino, per mezzora, una volta al mese, oppure tenendola sotto l’acqua corrente fredda per una decina di minuti.

 

Che ne pensate?! E’ la Pietra di Luna la vostra pietra?!

 

#melinafascinodoriente #melinadoitbetter #orientenonsolo #pietradiluna

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.